“La Sicilia spende più per pagare il debito che per investire in agricoltura, conseguenza nefasta di un modello di austerità che ha fatto pagare al Sud il prezzo più alto, ha impoverito i ceti medi, distrutto ricchezza, messo fuori mercato imprese e professioni, mortificato chi vive di pensione.”

“La pressione fiscale, superato il disavanzo della Sanità, non è diminuita ed i Siciliani sono i più tartassati d’Italia, ma il livello dei servizi sanitari impone ancora a migliaia di siciliani di emigrare pure per ragioni di salute.”

Siciliani Indignati

Siamo donne e uomini, imprenditori, docenti, artigiani, professionisti, pensionati che combattono, da anni e senza tregua, la malamministrazione del Governo regionale, ma non vogliamo abbandonare la nostra terra, e, sopratutto, non vogliamo che si continuino a condannare ad un futuro da emigranti i giovani siciliani.

Rivendichiamo con orgoglio il nostro passato migliore, i grandi passi fatti nella lotta alla mafia e vogliamo costruire un futuro per una Sicilia libera, pulita, ospitale.

Abbiamo vinto la battaglia sul referendum costituzionale contro una riforma che non considerava il Sud ed accentrava, convincendo tanti siciliani delusi ed indignati, sfiduciati nei partiti, anche in quelli anti-sistema, che si astenevano, ai quali oggi ci rivolgiamo chiedendo nuovamente di reagire in modo democratico:

VOTANDO

Ci spinge l’indignazione, la rabbia per l’incapacità delle classi dirigenti, per la dissipazione di risorse straordinarie, ma anche la consapevolezza che occorre passare all’azione, con le competenze, la passione ed il coraggio di chi si é cimentato nel lavoro, nello studio, nell’impresa ed ha dimostrato di saper fare, per costruire insieme un futuro per la Sicilia, restituendo dignità ai cittadini siciliani, non privilegi o favori

SicilianIndignati sará il nostro nome, consapevoli che non basta lamentarsi ma che occorre rimboccarsi le maniche e spendersi personalmente per il futuro della propria terra. Perché sano i fatti a dare credibilità agli impegni ed alle parole.

La Sicilia é redimibile e lo possiamo dimostrare insieme.

Gaetano Armao

Sottoscrivi il Manifesto

per leggere la versione integrale del MANIFESTO PER IL FUTURO DELLA SICILIA cliccare qui.